Ragni e draghi

Una cosa è chiara. Con noi vengono anche i nonni e la zia Francesca.

Passiamo la giornata in macchina, che strano. Unica nota positiva è il posto dove mangiano la pappa, vicino ad una rampa che salgo e scendo come se non ci fosse un domani.

Dopo il riposino mi ritrovo in una città davvero strana, con una casa ancora più strana. La casa è senza cucina, una sola camera con tutti i letti.

E la città? Draghi, ragni sui ponti grossi come chicchi d’uva, un castello in alto e un sacco di cani e di barche sul fiume.

Prima di dormire mi gusto un bel concerto in strada chitarra più batteria (anche se il Vecchio sostiene che non sia proprio una batteria, il pignolo).

Non ho ancora capito quanto staremo qui e se mai tornerò a casa.

La mia più grande preoccupazione è la cucina, come farò a mescolare le pentole?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.