Il marinaio di acqua dolce

Chiedo il latte insolitamente tardi: tutta quell’acqua stanca, parecchio.

Il Matusa mi porta fuori, sul terrazzo, e rivedo tutta quella vastità (del ciuccio che me ne frega).

Mi guardo intorno, la cumpa si è sistemata, usciamo e ci fermiamo per un caffè. Lo annuso dalla tazzina, lo sposto violentemente con la mano: decisamente sotto la media.

Continua a leggere

Ma che buona la sabbia!

Sgrano gli occhi! Appena sveglio faccio sempre così. Anche se non c’è nulla di preoccupante, tipo modalità prevenzione.

Sono in macchina.

I ragaz (mamma santa, fratellone e Matusa) sono tutti lì con me, mi guardano pieni di sentimento, come sempre, e fanno certe facce buffe.

Scopro che in macchina ci rimaniamo per molto tempo. Macchina, pappa, macchina, pappa, macchina. Ma cosa succede? Dove andiamo? E i nonni?

Continua a leggere

#exploringsardinia2021

Mi chiamo Riccardo, ho 9 mesi e so gattonare.

Stamattina noto uno strano via vai in casa mia. Tutti che corrono, portano cose, chiudono scatole, riempiono la macchina.

Penso: c’è qualcosa di grosso nell’aria.

Poi trovo questo gioco di colori per terra. Gli do una occhiata, lo assaggio, ma non è un gran che e non lascia indizi.

Comunque, che sia latte o che sia uova, ad un certo punto prendiamo la macchina e partiamo.

Io, la mamma, il fratellone e Matusa.

Andremo a pranzo dai nonni.

Intanto faccio un pisolo, vediamo come butta.

Non è finita finché non è finita (epilogo)

E’ quanto suggerisco a Frenci da tre giorni a questa parte, come un mantra.

“Non è finita…”

“…finché non è finita.”

L’ha imparata.

Prendiamo in prestito le bici, un ombrellone e due lettini per la mattinata, subito dopo il check out. Vogliamo salutare il mare, l’ultima volta.

Bibione Beach ci saluta con l’acqua più trasparente di sempre e pesci che ci salutano le caviglie, mentre camminiamo nella bassa marea.

Continua a leggere

Il bicchiere mezzo pieno

Iniziamo la giornata con un video auguri di Frenci su Whatsapp a Nicola, in arte Trifolacci, sì, perché il 14 non è solo la vigilia del ferragosto, ma anche il compleanno di mio cugino.

A mio cuggino.

Oggi il mare è il meglio della vacanza. Onde lunghe e dolci, che cercano di fare timidi piccoli tubi. E’ l’ultimo giorno e ci fa un bel regalo.

Continua a leggere

Surf a Bibione

Apro il mio Moleskine, ma non ho preso appunti su oggi. Vado a braccio.

Inizio la giornata con energia, spaziando fra una English Breakfast e una Continental (uovo, pancetta, salsiccia, pomodori, crostata, croissant, succo di mela tè e caffè americano).

Esoso.

Continua a leggere

Il moralizzatore

Dopo la giornata più avventurosa degli ultimi cinquant’anni, a Bibione, non poteva che seguire una giornata normale.

Arriviamo in spiaggia verso le 10.00. Acqua bruttina, mare quasi piatto.

Una bimba tedesca di neanche due anni, mette in crisi Frenci distruggendogli il castello di sabbia che aveva costruito con me. Lui prova a fermarla con diversi no, ma lei non capisce e pialla le torri con i piedi.

A pezzi, il castello e Frenci.

Continua a leggere

Bibione è in Portogallo

Oggi decido di poltrire, mi alzo con la sveglia delle 7.45, posticipata fino alle 8.03.

Nonostante ci sia foschia e il sole tardi ad arrivare, mi tocca fare una discreta coda per prenotare l’ombrellone, procedura richiesta quest’anno dal protocollo COVID-19.

Per fortuna l’acqua è particolarmente trasparente. I bagnanti, le barche e i windsurf si stagliano sull’orizzonte di un pallido grigio-azzurro, quasi bianco, e sembrano dirigersi verso un limbo lontano.

Anche le meduse devono avere capito che aria tira oggi, perché non si vedono in giro.

C’è aria di tempesta.

Continua a leggere

Se telefonando

Frenci cade dal letto anche questa notte, ma inizia ad affinare la tecnica: arriva con i piedi.

Io mi sveglio prima anche oggi per fare ginnastica, ma mi oppongo alla corsa per accaparrarsi l’ombrellone in prima fila. Sia quel che sia. E trovo posto in terza fila.

Continua a leggere