Il moralizzatore

Dopo la giornata più avventurosa degli ultimi cinquant’anni, a Bibione, non poteva che seguire una giornata normale.

Arriviamo in spiaggia verso le 10.00. Acqua bruttina, mare quasi piatto.

Una bimba tedesca di neanche due anni, mette in crisi Frenci distruggendogli il castello di sabbia che aveva costruito con me. Lui prova a fermarla con diversi no, ma lei non capisce e pialla le torri con i piedi.

A pezzi, il castello e Frenci.

Lo rifacciamo.

Nel pomeriggio torna ad essere narcolettico, non si veglia più. Ci mettiamo mezz’ora. Pare che il mare stanchi.

Tutta la giornata è caratterizzata da un Francesco particolarmente polemico. Da qualche giorno sta inesorabilmente accentuando questo tratto.

Ogni occasione è buona per fare uscire la mano a carciofo, a pigna o a tulipano, che dir si voglia (quella del “che vuoi”) e chiedere, con vena critica, il perché dei comportamenti altrui.

Come quando nota i nostri vicini, ospiti del resort, sfrecciare in bicicletta sui vialetti di ghiaia bianca, sollevando polveroni e lui sentenzia: ” Ma cosa corrono, papà? Dove vanno? C’è una festa? Fanno una gara? Ma non lo so, io.”

O quando, con me, per prendermi in giro mi dice: “ma chi sei? Einstein?”

Oppure quando mi ricorda, dopo che ho cucinato, pulito tutta la cucina, lavato i piatti e spazzato per terra: “non hai mica pulito sotto il divano, però, vero?”.

O quando nota una carta per terra e se ne esce con: “ma che gente maleducata, guarda, mamma, per terra…”

O, infine, quando, passando per strada vicino al parcheggio in cui la Lamborghini, che rimiriamo tutti i giorni, è stata spodestata da un mezzo a due ruote critica:” ma perché poi parcheggiano uno scooter in un posto per le macchine? Non si capisce.”

Probabilmente sta assorbendo dai suoi genitori.

Restiamo in spiaggia fino a ora di cena, ci gustiamo un aperitivo durante l’ora più bella. Scatto foto.

Ceniamo in un piccolo ristornate, in déshabillé da spiaggia, ottimi primi di pesce, dall’impiattamento stravagante.

Poi torniamo subito in bungalow per chiudere al più presto la giornata.

Domani si va allo zoo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.