Il viaggio dentro 


“C’è un solo viaggio possibile: quello che facciamo nel nostro mondo interiore. Non credo che si possa viaggiare di più nel nostro pianeta. Così come non credo che si viaggi per tornare. 

Continua a leggere

Annunci

Il mondo si fa nuovo 


“Viaggiare è come innamorarsi: il mondo si fa nuovo.”    

Jan Myrdal

Strasburgo mon amour

IMG_9652_Fotor

Con una precisione ormai svizzera, alle 10.00 siamo in macchina pronti a partire. Abbandoniamo Reims, lo champagne e tutte le colline ricoperte dalle vigne per trasferirci a Strasburgo. Maciniamo 350 km in poco più di 3 ore e mezza, con due pause. Alle 13,45 parcheggiamo la macchina sul marciapiede dell’Iris Hotel Petit France, ai bordi del Reno, per scaricare i bagagli.

Continua a leggere

La Marne

IMG_9565_Fotor

Mentre aspetto che scendano tutti dalle stanze, nella hall dell’hotel, in sottofondo, Freddy canta I want to break free e la receptionist la canticchia. Oggi è l’ultima chance per visitare un paio di cantine di “piccolo taglio”. Il sole splende alto promettendo un grande successo. Accendiamo il motore e partiamo, accompagnati dai Goo Goo Dolls.

Continua a leggere

Alla ricerca della cantina perduta

IMG_9301_Fotor

 

Ci svegliamo pieni di buoni propositi (relativamente al principale scopo del viaggio): iniziare finalmente il processo formativo per carpire i segreti dello champagne, rubando la formula, tramandata nei secoli, ai produttori locali. Insomma, vogliamo fare ‘sto benedetto giro per cantine.

Ma non abbiamo fatto i conti con il fato (e la nostra organizzazione alla Filini).

Continua a leggere

Pasqua a Troyes

IMG_7775Verso le 9.00 ci troviamo tutti al piano hall dell’Ibis per la colazione. La giornata incomincia con una piccola incomprensione con la cameriera, che non vuole dare la colazione a Cinzia e Pietro, giurando che un’altro Tavolazzi (?), che dormiva in una terza camera che non era la nostra (?), era già stato a fare colazione prima di noi. Probabilmente la lingua francese non ci aiuta. Oppure il risotto di ieri sera è stato molto pesante.

Continua a leggere

La via all’oceano

E’ il sesto giorno. Alle 9.30 sono in macchina. Accendo motore e radio. Solita boulangerie per comprare una enorme pasta all’uvetta e Minute Maid all’arancia. Ci metto mezz’ora ad uscire da Reims. Le grandi città vogliono sempre che tu vada in autostrada e si dimenticano delle strade blu.

Continua a leggere